loader image

Gulf of Poets

 
“Beato te, o Poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori.” (Sem Benelli, 1910)

We will talk about arsenals and military fortified sites, productives days spent catching sea breams in the bay, windy storms, three islands, a gulf, many villages, each with its own identity, all under the aegis of slightly larger, unique and refined municipalities. In one word poetic.

Is it due to the development, of the area that poetry pressed on the land and its structures , at the beginning of the Twentieth century the playwriter Sem Benelli, who owned a house in San Terenzo, worked on the words, still set in the common imaginery: the Gulf of Poets.

To be honest, such term comes from the fact that before and after Benelli, many other poets, writers and artists haven’t missed a single day of vacation in the hamlets of the areas, struck by the beauty of a successful “triplet”.

The Gulf of Poets starts with the village of Porto Venere and ends, including Lerici with La Spezia, which is in the middle of the Gulf. The landscape is the so-called water amphitheatre where the inhabitants know everything about the sea, mussel farming, grape harvest and good olive oil, besides they know how to make an excellent “pesto sauce”, but all this depends on the destination you decide to choose.

If our way leads us towards Portovenere, the blue fish will make us feel at home, the  words are unnecessary to describe the beauty of what we will see, salty fishermen’s ropes in the sea, colourful tower houses; and then  at the end of the promenade, we bump into the oustanding, ancient church of San Pietro, that probably dates back to 1277, the grey stone and the marvelous marina have made this village a World Heritage by UNESCO, of great importance is undoubtedly the archipelago in which the islands of Tinetto, Tino and Palmaria are situated.

If we decide to stay in La Spezia in  summer, there is a particular turmoil for the boat race called Palio del Golfo, we find sensible, dancing lights that liven up the night life at Porto Mirabello. The Town Hall is committed to various services, infrastructures, habitability and most of all  day and night tourism, according to the rhytm of the night life. The town centre is perfectly kept, and in the restaurants the mussels are the main dishes of its cuisine, talking about Lerici, we must say that it is an excellent vacation place, thanks to its fairy tale colours, that look like as if they were stolen from the colour box of a child,  it reminds us of the Greek coast., and it was much loved by the poets Lord Byron and Percy Bysshe Shelley .

While staying in Lerici we suggest  to pay a visit  to the  beach Venere Azzurra, and the inhabited area of San Terenzo. We must also mention the symbolic hamlets of Pugliola, Solara, and the majestic buttresses of Punta Corvo.

Located at a stone’s throw is the Regional Park of Montemarcello Magra, a protected area that merges a marine environment and the lush landascape of the river, till we reach the eastern border; on the west side we find the Cinque Terre with the National Park of the Cinque Terre and the Protected Marine  Area, close to Portovenere, where we find Middle Age parish churches, foot paths and cultivated areas in equal measures.

In the heart of the villages we find more complex worlds that live taking advantage of the favourable conditions of the deep inlet . The Gulf is protected by a mountain chain and by hills, closed to the west by the Promontory of Portovenere and to the east by the beaches of Lerici, that help to avoid the cold  south west wind Libeccio.

Through the eyes of those who love the Gulf of Poets, and know how to tell stories that not only belong to the province, but  also to an independent territory, we can embellish the stories told by the old grannies in Le Grazie, a village with a handful of houses, situated  in a charming natural cove,that hosts the archeological site of the Roman Villa in Varignano, and  is close to bay of Portovenere.

Another important small hamlet that we must not forget to mention is Fezzano,  it is situated after the shipbuilding context of Cadimare and before the village of Le Grazie, this is a charming place with typical alleys, pine groves in the mountains of Castellana, situated just behind the village.

Cadimare hosts the Air Force Logistic Support Centre; Marola is situated on the hills, among old quarries; on the hills we also find Campigna, with its breathtaking sea views, here people rest rocked by the  defeaning sound of cidas, instead there is urban mockery in Fossamastra, a small area no longer popular among the bourgeoise of La Spezia.

The inhabitants of Lerici know exactly what to do to keep their natural heritage, after Muggiano, a busy area with many important shipyards, we reach a never ending seafront that goes from San Terenzo to Tellaro, dotted by many villas and promontories, and guarded by imposing Castles. The area attracts longtime devoted tourists, not only  Italians but also  French, Russians and Germans, that lie under the sun and love the real food of the Eastern Riviera, no matter if we are talking about focaccia or testi with sauce.

Tellaro is little known, however it does not lack stunning sea views. The village is a docking area for pleasure boats, that can be reached passing by Maralunga and Fiascherino; it is the right balance between Corsica and the hint of far cliffs, with its beautiful pink church, built on the cliff and touched by the waves when the sea is rough. A legend tells that a huge octopus saved the village from being ransacked by the pirates, by ringing the church bell.

La Serra is the typical hamlet, where you can come accross old style agritourisms,  managed by friendly familes that work directly with yachtsmen of the river Magra, as well as with craftsmen in Versilia, La Serra was once a village of merchants, it is located on a hill where you can enjoy a beautiful landscape that  tempts the most refined food lovers… not only for its fish cuisine.

 

Nature

Despite the population density of the county seat of La Spezia, the whole ecological niche of the Gulf of Poets remains a small, healthy and half unspoilt gem, full of garrigue, salt cedars, and protected areas situated at a short distance from the town.

The Gulf of Poets, Gulf of La Spezia, or whatever you want to call it, is an area that shares the luxury of being  the main character of another charming site, the Cinque Terre, and has been for ages the sovereign  of a jagged stretch of coast, where five wonderful and well known villages are situated; they are called Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola and Riomaggiore, they are unique places in terms of quality, these villages have been included in the list of UNESCO World Heritage sites, and can be considered as well as our Gulf a good reason to visit this strip of Eastern Liguria.

Over time we tend to go back to the places we have always loved, as some of the great writers and poets of the Nineteenth  and Twentieth centuty did, their tours in this area contributed to name it “Gulf of Poets”.

The three main influenes allow, in terms of landscapes, a wider sphere of action for tourists, and most of all satisfy any needs, you can enjoy the views, or experience new adventures, swetting and getting your hands dirty by climbing the rocks full of precious metals and incredible fossils.

Portovenere is perched on a promontory of dark rocks, at the end of the village we find the famous church of San Pietro, with its white and grey stripes on the facade; it was built in gothic style, this church represents the landmark of the village. The steps that lead to the castle of Porto Venere were carved in the rocks and are surrounded by Mediterranean Maquis. When you reach the top of the castle you can enjoy the small archipelago, where once lived San Venerio, the patron saint of the Gulf of La Spezia.

The Protected Marine Area of Porto Venere includes the islands of Palmaria, Tino and Tinetto, the green terraced woods that lead to the foot paths to reach the village of Riomaggore, and are part of the protected Natural Regional Park of Porto Venere, over 400 hectares of very enjoyable nature.

Palmaria island was once a military post, at present the military beach resort is still open in summer. The island is surrounded by a fishy sea, and offers the possibility of visiting the inland thanks to some foot paths. The ravines and the caves continue along the coast at sea level, don’t forget to visit Byron’s cave, where the famous English poet loved to spend his time, meditating.  The area represents a great opportunity for divers and also for people who love swmming, the pebbles on the coast will challenge you, however it will not be a problem.

The marine environment, is covered with gorgonia and posidonia, the rich, dark corners are provided by Mother Nature (by the way someone has even carved the area, go and have a look, if you like!), lights and shadows follow one another and typical organisms inhabit the sea, such as ruby red stars, groupers, moray eels, and seahorses enjoy the harshness and protection of men.

Continuing our chat about the protected luxury beauties situated in Porto Venere, it is important to point out how  the community is concerned and cares about the park and its wildlife, where the lovely cornflowers in Porto Venere have a delicate purple colour …. that says it all, cornflowers are herbaceous, perennial plants that form bushes above the steep cliffs.

The Mediterranean Maquis soon tranforms into shady woods of holm oaks and Aleppo pine trees, that cover the area up to the mountains.

We leave Porto Venere and we go east, towards the cultural town of La Spezia, a generous mother that hosts a National Park, two Regional Parks in Porto Venere and Montemarcello, four Rete Natura 2000 sites, and a protected area.

The municipality of La Spezia is dotted with green areas, such as Parco della Maggiolina, Parco della Rimembranza and the public gardens facing the promenade. On  the hights of Mount Parodi we can find fitness trails, where migratory birds and woodland animals have moved from Val di Magra and Val di Vara, or have escaped from the careful census of the Protected Oasi in Arcola.

A stay in this area allows  the opportunity to spend some time in a  fresh place in summer, and enjoy a clean area in winter, perhaps glimpsing a blackcap in the fountains in Piazza Europa.

The suburbs of the stretch of the river Vara is mainly wooded and well kept, while on the river Magra the landscape gently descends towards the plain, full of shiny maritime pines and deciduous woods, where valuable plants find a shelter. The most interesting place are the hills in Montemarcello, wandering about mount Carpione.

While visiting Montemarcello why not stop at the Bothanic Garden situated on mount Murlo, the garden is included in the list of Bothanic Gardens and nurseries of the protected area of the Region Liguria.

Those who have sensible shoes and strong legs may try the trail called “Sentiero dei Poeti”, that follows the better known Alta Via del Golfo. Enjoy hiking among olive groves and then take a rest and taste some tigelle, when you finish hiking in Alta Via dei Monti Liguri. A suggestive landscape is that of the sandy coasts of Lerici and San Terenzo, the two villages were a source of inspiration for the works of the English writer D.H. Lawrence, as well as for the Italian writer, journalist and film direct  Mario Soldati.

Lose yourself looking at the pastel colourful houses, the villas and the nice English gardens situated above the alleys, walk up and down the historic centres of the hamlets, where you may catch sight of the deep blue sea.

The area has received the awards Bandiera Blu and Quattro Vele Legambiente, for the outstanding beauties of this land, and why not mention San Terenzo, where the sea touches the houses of the village, or the buttresses that create a bond with the castles of the hamlets,  there is a sort of  suspended atmosphere in Fiascherino, enjoy the sunsets by the sea in Tellaro. The surrounding hills, provide Lerici with relaxing landscapes, necessary for town mice that seem like aliens.

Leaving La Spezia, the Natural Regional Park in Montemarcello acts like a bridge  to reach new ad more quiet lanscapes, escaped by the waves of the rough Ligurian sea. We go straight towards Ameglia or inland in Lunigiana. The coast in Punta Corvo becomes impervious, while in Punta Bianca, that has different colours we find an excellent and useful place for hiking.

The foot path that starts from the centre of Montemarcello leads to the beach Punta Corvo, you may need good legs and a bit of energy to reach your destination, however once you get there, you will be pleased of all your efforts.

The cunning area of Lerici combines the power of the waves that crush on the shore,  the rural quiet olive groves and the woods of Alta Versilia.

Lifestyle

L’insenatura del Golfo dei Poeti è ben riparata, così da garantire la protezione dei borghi, prima di tutto il nucleo urbano della Spezia, e resta incorniciata dal profilo delle tre isole Palmaria, Tino e Tinetto. Una benedizione, che fa sì che d’estate il clima non diventi particolarmente soffocante, oltre a tenere lontani gli inverni troppo freddi, saputi piovosi, ma comunque miti.

La Spezia si distingue in qualità di sede culturale: non bisogna allontanarsi dal centro per incorrere in scalinate d’ardesia, panifici, osterie, bistrots,ostelli a prezzi modici, e socializzare tra le aiuole dei suoi ordinati giardini pubblici. Gli obiettivi di macchine fotografiche e smartphones catturano delicate ville di stampo liberty e, con loro, tanti palazzi, alcuni razionalisti, altri futuristi, oltre ai più recenti delle correnti contemporanee –  emblematico il rigore futurista del Palazzo delle Poste.

Partiti dagli snodi di Via Chiodo, centro nevralgico, meta di passeggiate e portici ombreggiati, nonché di viali alberati per manifestare una città che come scriveva Hemingway annovera “strade larghe e case alte e gialle”, ci accoglie l’accesso al celebre Museo Tecnico Navale della Marina Militare, baluardo di testimonianze legate alla storia della navigazione e della Marina. Lì trovate, ovviamente, anche l’Arsenale Militare, ricostruito dopo la guerra ed officina del corpo della Marina Militare, per questo, non accessibile per intero. Visitabili, anzi doverosi, il Museo Amedeo Lia, una delle più ricercate collezioni private italiane, riadattata in veste di museo civico, il Museo Archeologico Formentini all’interno del suggestivo Castello di San Giorgio, che raccoglie le collezioni civiche di proprietà del Comune, nonché alcune Statue Stele della Lunigiana, e infine i Musei Diocesano ed Etnografico sito nell’ex oratorio di San Bernardino. Il Museo del Sigillo, unico al mondo, viene ospitato nella Palazzina delle Arti. A due passi dal lungomare, grande rilievo lo ha il CAMEC, Centro di Arte Moderna e Contemporanea, il quale conserva ed esibisce, su tre piani espositivi, l’operato dei maggiori fenomeni artistici contemporanei.

Ancora, nella centrale Piazza Cavour, il brusio dei commercianti e l’odore iodato del pesce fresco diventano le componenti irrinunciabili di un giretto al mercato coperto. La prima domenica del mese, invece, la stessa struttura leva i teloni a pezzi d’antiquariato tra i quali potete trovare libri, mobilio e anche diversi cimeli d’epoca.

Inaugurato nel 2010, con shopping center, punti di ristoro e una qualità incredibile di posti barca e barche griffate, i classici yatch da fare invidia, costruito in tempi record e dotato di una vivibilità di tutto rispetto, il Porto Mirabello illumina i cannoni della Passeggiata Morin antistante la città direttamente sul waterfront, invitando a sfavillare con lui, di notte, nell’angolo meglio riparato della rada. Il recente ponte pedonale Thaon di Revel unisce le due aree con i siti dedicati alle barche da pesca e da diporto oltre alle strutture per i traghetti con le isole e le Cinque Terre.

Proprio il lungomare, assieme al centro storico, lascia che sia la movida notturna a trainare chi vive delle ore piccole tra l’apericena e l’after. Tra i locali più frequentati c’è il Papilio Disco Dinner nel periodo invernale, in via del Canaletto, il Mama Disco Club, periferico, oppure, con possibilità di spostarsi fuori dalla città, il Jux Tap sulla variante Aurelia nel comune di Sarzana a 18 km ca. di distanza.

Separata da Marola, a suo tempo, tramite un lembo di terra sopra il quale si ergeva la Torre di San Gerolamo, Cadimare è pittoresca d’inverno e d’estate in egual misura. La Via della Marina attraversa il borgo da parte a parte colorandosi delle facciate di residenze estive e villette abbarbicate. Pit-stop a una delle trattorie locali, perché il pesce “lo cacciano fuori” superlativo.

Campiglia coniuga la vita di mare a quella alpestre, spalmata al termine di una strada carrozzabile che sale con brevi tornanti in mezzo a un castagneto, deviando da località Acquasanta. Quassù, arrivano coloro che osano inoltrarsi lungo i sentieri meno battuti del più grande CAI n.1 (Portovenere – Levanto), allenando spesso e volentieri buoni muscoli nella palestra verde, e tutta roccia, delle falesie del Muzzerone.

La vita notturna verso Portovenere, d’altra parte, è un connubio di silenzi o alla mal parata suoni lontani di navigazione e risacca. Si passeggia all’insegna di serate più tranquille, tra gli andirivieni dei localini alla moda, pub e birrerie, tutti a ridosso del mare.  Nomi importanti saranno il Bar Lido, in traversa Olivo, facente parte del complesso turistico che racchiude in sé un residence, ristoranti e ogni comodità per il turista, e dovese concedervi un happy hour alla mano, chiedete del Bar Naviglio.

Portovenere, svegliatasi di giorno, è covo di marinai e bucanieri, testimone di antiche scorrerie a pelo d’acqua ma anche di importanti scambi via terra; oltre alla coltivazione dell’ulivo, che si arrampica lungo le alture ombreggiando terrazze cariche di colori, vi è infatti una attività collaterale di estrazione di marmo nero o Portoro. Cuore del borgo, e tutta da visitare, vi attende Via Capellini, da cui è possibile prendere uno degli stretti carruggi che salgono al Castello. L’ingresso lo pagate, ma nei dintorni è possibile godere di splendidi panorami, come quello che abbraccia la Chiesa di San Pietro, intramontabile e da cartolina. 

In questa zona si trova anche il piccolo cimitero, dove è sepolto Walter Bonatti, esploratore-giornalista da poco scomparso. Dal porticciolo parte il battello per l’isola Palmaria, separata dal borgo tramite un piccolo canale e dalla qui punta spicca una strana costruzione militare che emerge dalle acque, Torre Scola: lasciata la terraferma, potete godervi una sana giornata di trekking ad anello, due o tre ore di passeggiatina – vale la pena dare un’occhiata alle grotte e pure alle cave –, fermarvi per un bagno al Pozzale nel periodo estivo e primaverile, o prenotare una cena speciale alla Locanda Lorena.

Al Tino è sempre vietato l’accesso, poichè Zona Militare. Tale divieto decade soltanto in occasione delle festività in onore di San Venerio nel mese di settembre di ogni anno e permette ai visitatori di ammirare fortificazioni, museo e spiagge oltre che a costruzioni militari e scogliere di sapore atlantico. Infine, vi si trovano interessanti vestigia risalenti all’XI secolo, ivi compresa la chiesa dedicata al culto del santo.

Tranquillissima e ordinata, ex cittadina di palombari, un’oasi nel Comune di Portovenere, il Borgo de Le Grazie – la cui prosecuzione rimane Fezzano –  ospita numerose iniziative inerenti questa storica e militare professione e quella cantieristica, ed è allo stesso tempo un naturale approdo, collocato in una felice posizione geografica che ne fa uno dei più longevi, e alla portata, ancoraggi del golfo spezzino. Il paese è disseminato di ristoranti e pubs, il nucleo storico si evolve attorno alla cattedrale Santario di Nostra Signora delle Grazie, patrona del Paese.

Porto medievale per anni conteso tra Pisani e Genovesi, dominato dall’imponente mastio costruito in posizione sopraelevata, senza dubbio uno dei suoi edifici più caratteristici, Lerici consta tuttora in uno imbarcadero e diverse mete ricettive ben noti, oltre a rievocare i soggiorni dei nomi che hanno reso immortale il Golfo dei Poeti… sorvolando sui già citati ricordiamo David H. Lawrence, Giosuè Carducci e Gabriele D’Annunzio, Virginia Woolf, Filippo Tommaso Marinetti, Mario Soldati, Indro Montanelli. Ancora adesso si respira la funzione di porto, per quanto il turismo balneare abbia in parte soppiantato il primato dei commerci; possiamo però immaginare dove approdavano viandanti e pellegrini che, attraverso Sarzana, si collegavano alla Via Francigena, diretti dal Papa o verso la Cisalpina, nel nord Italia.

La piazza centrale del borgo, dedicata a Garibaldi, ospita il piccolo Oratorio di San Rocco, memoria storica degli antichi pellegrinaggi, mentre all’estremità opposta guarda al traffico, chiuso d’estate, la principale e barocca chiesa di San Francesco.

Al basamento del castello si arriva addentrandosi nel vecchio ghetto ebraico, mentre, con una piacevole camminata, e magari un buon gelato, si giunge a piedi sul lungomare di San Terenzo, anch’esso protetto da una fortificazione difensiva. Posto a metà strada tra i due paesi, nato come contrappunto delizioso, troviamo Villa Marigola, sede di concerti ed importanti conventions…  al di sotto, stralci di ombrelloni e macchia mediterranea prima della spiaggia digradano al panorama della Venere Azzurra. Da una parte e dall’altra, per le due diramazioni da e per i borghi, si trovano le dolci dune sabbiose e gli stabilimenti balneari. E meno male, perché il fondale a Lerici risulta molto diverso dal pietrisco sassoso delle Cinque Terre, riuscendo ad accontentare anche i più esigenti e, forse, è proprio questo il segreto di un’affluenza tanto serena quanto costante.

Il turista in vacanza, già dall’inizio, potrà sperimentare una dipendenza dalla cucina di Lerici, connubio tra mari, rappresentati da branzini e saraghi, e monti, date una medaglia a zucchine, castagne e fritti, e dovesse non rimanerne soddisfatto, una vasta flotta di navi e battelli parte per le Cinque Terre e la Riviera di Levante, Portofino e Genova comprese. Il lungomare e piazza Cesare Battisti ospitano i luoghi dove cercare divertimento di sera, “senza dover fare le ore piccole”. il Circolo Arci Borgata Marinara, in piazza Garibaldi, è molto apprezzato dalla gioventù locale e non solo.

A pochi chilometri dal confine toscano, guadagnatosi un posticino fisso tra i più bei borghi d’Italia, Tellaro viene intessuta di pura magia, colorata e dalle acque terse, chiaro richiamo a un mondo riflesso dove i dettagli delle sue case, gli affacci sul mare e una struttura concentrica della parte vecchia basata su fortificazioni, con le abitazioni circondate dalle mura sul lato nord-occidentale, si perdono fino ai grovigli di alberi dove termina Fiascherino. L’azzurro assolato che riflette i carruggi è la ragione per cui Attilio Bertolucci, uno dei più grandi poeti italiani contemporanei, cercava di evadere dal mondo, se diventava troppo caotico. Si può nuotare di fronte alla chiesa di San Giorgio, quella tutta rosa su uno sperone isolato, oppure, cimentandosi in una prova di forza con le zone più selvagge, arrivare agli Spiaggioni.

Viceversa, una delle molte passeggiate strategiche vi porta a La Serra, entro cui prende l’arietta salubre il poggio di Verrazzano, un pugno di abitazioni dei commercianti che furono e noto anche come luogo d’origine della famiglia da cui discende il noto Giovanni da Verrazzano, dopodiché, a punteggiare le colline sopra Lerici, ci sono le rovine di Portesone, Barbazzano, e i micro borghi di Pugliola Solaro e dintorni per delle viste panoramiche sul golfo uniche al mondo.

Places of interest

La Spezia traina i momenti di vuoto fuori dal vasto mare, ed ogni anno si arricchisce di concerti, spettacoli, feste, cene, ritrovi, conferenze e attività didattiche. Polo culturale, abbiamo visto, ma ugualmente calderone in fermento di mostre d’antiquariato e seratine intime a lume di candela, in uno dei ristoranti maestri delle pietanze a base di pesce, o cercando un ritrovo per qualche ballo serale.

Partendo dalle cime e scendendo ai primi estremi proprietà della Marina Militare, s’incappa in un progetto molto fresco e molto atipico di Franco Oliva, la villa urbana Marmori-Ceretti. Va considerata un prototipo riuscito di architettura floreale, e pittoresche e omaggianti i fiori sono le vetrate policrome, di chiaro gusto art déco. Fu commissionata, la villa, all’epoca del 1923, per volere di Teresita Marmori e del marito Amedeo, sviluppando nel tempo i tre piani. Conserva all’interno affreschi e pannelli dipinti di Luigi Agretti, dal 1984 risulta sede del Conservatorio di Musica intitolato a Giacomo Puccini.

Subentra dunque la moderna nemesi della cattedrale del Cristo Re, a guardia di Piazza Europa. Dotata di pianta circolare, un riferimento all’ostia utilizzata nel corso delle liturgie ecclesiastiche, con il sagrato che si apre a monte, il cupolone che la copre, caro agli spezzini, viene sostenuto da dodici colonne. Si tratta del principale edificio di interesse religioso per la città, e gli “spezei” già sanno, all’ora della messa, che le cripte del Cristo Re contengono le reliquie di San Venerio, la tomba della mistica Itala Mela e dei primi vescovi della Diocesi, presenze non da poco e a cui dedicare il massimo rispetto.
Piazza Beverini è protetta dalla duplice – poiché doppie sono le bande alterne, ormai sbiadite – rappresentanza di uno stile smaccatamente gotico-ligure, e questo perché l’abbazia di Santa Maria Assunta, dicono le cronache, sembra una delle prime del capoluogo, e poi indica perfettamente il gusto dell’epoca. Sulle pareti sono esposte numerose opere d’arte, provenienti dalle chiese soppresse e demolite tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento, un classico degli anni che furono, lo spazio all’arsenale era necessario e la continua espansione doveva pur mietere le sue vittime.

Poiché La Spezia è una miscellanea di stili, non possiamo non citare il Teatro Civico, all’inizio di Via Prione e apripista del centro storico: devoto al neoclassico, e cresciuto supervisionato dall’architetto Ippolito Cremona, i bassorilievi in facciata e nel foyer rappresentano Bacco, Tabacco e Venere, allegoria del divertimento che occorreva alla società residenziale, qui a Spezia, la medesima forte di espansione.

In direzione della località di Fabiano, sulle alture, l’isolato monastero di Santa Croce dell’Olmo esprime la massima serenità. La dedicazione originale scomodava la Madonna del Monte, il titolo successivo si affermò più tardi, per la presenza di quest’albero nel piazzale. Una motivazione buona alla visita: la posizione collinare non sale impervia, ottima per camminare, e il territorio è oltre che consacrato. Location perfetta, se vi viene voglia di scattare all’alba o al tramonto.

Luglio, eccovi un mese prerogativa di estati all’insegna di musica e danze. Non ci spostiamo da La Spezia e cominciamo col dire che L’Artsenal Festival ospita personaggi del teatro – e del ballo – fra i più illustri del panorama contemporaneo, coronato da eventi musicali rivolti alla lirica, alla musica sinfonica e leggera ma anche alle note graffianti del rock, cui viene messa a disposizione l’area militare dell’ex caserma Mardichi.

Chi ambisse a spogliarsi dell’etichetta dei “foresti”, è atteso a due eventi irrinunciabili: il Palio del Golfo, la prima domenica di agosto, faro di sportività portato avanti attraverso una gara remiera tra tredici, numero delle borgate partecipanti, imbarcazioni a forma di gozzo, realizzate – usando le mani e l’olio di gomito –  da artigiani locali, e la Fiera di San Giuseppe, che si tiene nei giorni a cavallo del 19 marzo di ogni anno, ed é forse il più grande raduno di spezzini accorsi, sulla falsa riga delle rondini, come uccelli posati dove li attende il nido. Quando comincia San Giuseppe, piazza Verdi, i viali dei Giardini Pubblici e via Chiodo, incluse le stradine limitrofe, perdono il senno, animandosi con una fila di bancarelle dedicate alle più disparate merci; potrete trovarci la tradizionale porchetta affettata, o finire a prenotarvi per il dj set della notte bianca.

Marzo richiama gente persino nella periferia, superata l’area del Canaletto: tutti al Centro Fieristico, lo Spezia Expò, per il maggior evento commerciale dell’anno. Fiera Campionaria con prelibatezze della Lunigiana, e tanto spazio dedicato all’antiquariato e all’artigianato.
Cadimare organizza, nel mese di luglio, la Sagra del Muscolo. Proposito lodevole, se si pensa che lo scopo è quello di sovvenzionare la borgata per il giorno di gara al Palio del Golfo. Piatti eccezionali vi saranno serviti in serata, previsti balli con orchestre o complessi ed attrazioni varie ad ingresso libero, ogni stand o panchina illuminato dall’acqua, lungo la passeggiata a mare.

Porto Venere, poiché soggetta all’influsso genovese come gran parte delle realtà limitrofi, ci narra del suo passato attraverso il magnifico castello, evoluto con un corpo basso, accalcato contro il pietrisco del promontorio, la struttura risalente al XVI secolo, e numerose altre favole racconta, grazie anche alla parte nuova, databile alla prima metà dell’anno mille, e ai relativi ampliamenti effettuati in virtù dell’avamposto militare che, con i precedenti politici, s’apprestava a diventare. Di passi, da semplice villaggio di pescatori, ne ha compiuti eccome.

A partire dall’Ottocento, Porto Venere acquista fama dopo l’arrivo dei romantici inglesi Lord Byron e Percy Shelley, e contemporaneamente il Golfo può fregiarsi dell’appellativo che conosciamo. In ricordo di questo fatto, l’ultima domenica di agosto si tiene la Coppa Byron, ovvero la traversata in acque libere assolutamente sportiva, oltre che storica, dello stretto braccio di mare tra il paese e San Terenzo. Venne disputata per la prima volta nel 1949, e da allora coinvolge non solo gli enti municipali e la pubblica assistenza ma atleti in erba e più rodati, presi in prestito da tutta la Liguria.
Sullo sperone di roccia proteso verso la Palmaria, retta su un antico tempio preesistente dedicato a Venere Ericina, la gentile Superba, intendendo sdebitarsi dell’aiuto avuto contro Pisa, decide di costruire un ampio apparato in stile gotico-genovese, l’iconica chiesa di San Pietro. Due parti distinte, una con torre campanaria decorata a file verticali di bifore, fasciata da pietre alterne bianche e nere, e l’altra con pianta rettangolare e abside semicircolare, compongono l’edificio. Una scalinata conduce allo spiazzo panoramico, piacevolissimo, accostato al tetto della costruzione, dal quale bearsi del vento e della veduta a tutto tondo della costa.
Altri edifici di rilievo nel comune di Porto Venere li contiamo sulle dita di una mano: la chiesa parrocchiale di San Lorenzo nella parte alta del borgo, commistione tra il romanico e il gotico e con facciata eseguita dai Mestri Antelami, e al centro di Fezzano la chiesa di San Giovanni Battista, innalzata in stile barocco.

Il santuario di Nostra Signora delle Grazie, nella località omonima, si erge bianca e silenziosa, complici gli uliveti che la circondano. La raggiungete salendo qualche gradino, incombe d’un gotico baleno.

Veniamo alle manifestazioni. Festa della Madonna Bianca prevista il 17 agosto a Porto Venere, accompagnata dalla processione serale che taglia in due il borgo antico, illuminato a festa, per giungere sulla punta di San Pietro. Settembre ha fame di grande clamore per la Festa di San Venerio, e guarda caso è arrivato il giorno di libero accesso all’isola del Tino. Insieme alla festa, sono programmati un servizio di ristoro, la consueta visita all’eremo e le relative funzioni religiose.
Sull’isola della Palmaria è prevista la camminata ecologica, manifestazione podistica non competitiva e a passo libero, varia di volta in volta ma, di base, la organizzano con la primavera.

Lerici coniuga il sacro ed il profano, ma anche il vetusto e le comodità moderne, luogo ideale se si è alla ricerca di tranquillità, di relax, di contatto con la natura e antiche tradizioni. La città ospita un museo piuttosto atipico, allestito nelle sale e nel cortile del castello, a tema geopaleontologico, e nato al soldo di un ritrovamento di orme di dinosauri risalenti a circa 220 milioni di anni fa.  La città è sede altresì di due biblioteche, e non lesina sugli eventi legati al cinema e alla poesia – citiamo per brevità il “Golfo dei Poeti Film Festival”, concorso internazionale che si svolge la terza settimana di agosto.

Villa Magni accoglie un po’ in disparte le macchina che da San Terenzo vanno a Lerici, famosa per essere stata abitata, da aprile a settembre del 1822, da Percy Bysshe e Mary Shelley, quando era ancora di proprietà dei marchesi Ollandini. Un tempo il mare affondava gli artigli direttamente dove comincia il bianco porticato della costruzione. Villa Marigola strizza l’occhio alla sorellona in posizione panoramica e dominante, a ridosso di un promontorio fitto di lecci, centro di manifestazioni culturali e di congressi. Nella torretta attigua visse lo scrittore Sem Benelli.

La chiesa parrocchiale di San Terenzo, edificata nel XVII secolo in onore di Santa Maria Assunta, è una splendida quanto antica bomboniera di stile tardo-barocco. Riparato dall’abside, al suo interno sorge un altorilievo rappresentante i Santi Fabiano, Rocco e Sebastiano; databile al Cinquecento il bassorilievo di Domenico Gar, scultore originario della Lorena.
Svetta nella parte occidentale del borgo di Lerici il campanile di San Rocco, sulla cui parete antistante sono murati lapidi e bassorilievi legati alla storia della comunità. Il complesso richiama, ancora, lo stile barocco, la facciata è caratterizzata da una statua di Sant’Erasmo, mentre l’interno presenta una sola navata con quattro cappelle laterali. Entrate, perché gli affreschi custoditi qua dentro meritano.
San Francesco, a sua volta, ha una chiesa, grande e spaziosa, interamente a lui dedicata. In realtà è dedicata a Francesco così come alla Madonna di Maralunga. L’originale santuario possiamo collocarlo in un periodo di tempo ante XIII secolo, e in tutt’altra posizione, ciò che si vede ora è stato ricostruito tra il 1632 e il 1636. A pochi passi dal lungomare, la facciata del complesso odierno si compone di pietra rosa di Finale, con cornici e lesene in marmo di Carrara, nella cappella va osservata una tavola della Madonna con Bambino recuperata per mano di alcuni pescatori -dopo il naufragio di un brigantino –, e arenatasi, neanche fosse un segno divino, nel bel mezzo della baia.

Ed eccoci a marzo, sempre invasori di Lerici, che accoglie e celebra i fasti della festa dedicata alla Madonna, patrona del borgo assieme a Sant’Erasmo, con fiera e processione religiosa. Alla manifestazione segue la tradizionale fiera, in programma nei giorni conclusivi del mese; di nuovo sul lungomare, presso il molo e nella centrale Piazza Garibaldi, vedrete allestite decine di bancarelle. ll 31 maggio si compie la processione al luogo del ritrovamento della tavola predestinata, in località Maralunga.
Le celebrazioni in onore di Sant’Erasmo bisogna aspettarle. Cadono il primo week end di luglio, più coreografiche ma non meno sentite. La gente depone centinaia di lumini galleggianti nella baia e si avvia a guardare la processione, che termina alle porte della chiesa di San Rocco. Conclude l’evento uno spettacolo pirotecnico, e tanta convivialità.

Lerici in Fiore per i tre giorni di Pasqua. Il centro cittadino fa spazio a stand e bancarelle, piante, prodotti a base di erbe e oggettistica a tema, ghiotte occasioni per gli amanti di giardinaggio e floricultura.

Tellaro, infine, ad agosto, vi aspetta con la Sagra del polpo, ricca di incontri. I festeggiamenti ricordano il mito secondo cui il paese venne salvato dall’attacco dei pirati grazie alla bestiola, che diede l’allarme aggrappandosi alla corda del campanile.

The cuisine

Golfo dei Poeti in terms of cuisine performances means ricycling left overs, creativity and tradition. Recipes handed down by skilled housewives and ingredients borrowed from a rugged land, using wisely aromatic plants, dry fruit, fresh fish and vegetables. Meat includes wild game, while testi and fillings can be made well in the oven or using two greasy pans.

Grain soups as well as some tasty marinades never dissapoint customers. Cooking in this area, goes beyond simple dressing with pesto sauce, and would never exist without the influence of its close borders, that include Val di Vara, Val di Magra and Lunigiana. The natural dressing used is extra vergin olive oil, of strictly quality controlled origin.

Slow food and street food coexist and offer conviviality, that is why in La Spezia we can find farinata, made with chickpea (in local dialect it is called fainà), pinzimonio, raw vegetables dipped in olive oil or other sauces, aperitifs and trattorie that have remained the same in centuries.

If you take a starter in the main town, it will satisfy your appetite and you won’t be disappointed, to give you an idea of the type of local offer it includes trays full of salted codfish fritters, panissa, fried courgette flowers… and also whitebait fritters, these are just a few of the dishes you may find, and we must not forget the delicious stuffed anchovies.

As regards main courses the most popular is undoubtedly mesciua, made with legumes and served warm,

preboggion, made with plenty early cabbage is served in a soup plate, this dish is mostly common in the hamlets of the area.

We continue our list of dishes with Genoese vegetable soup called minestrone, capponada, testaroli which look like pancakes, however the dough is different, they are baked in the oven, and then dressed with pesto sauce, or tomato sauce, sometimes testatoroli garnish the evenings in winter, dressed with freshly made walnut sauce.

The influence of other regions can be perceived when restaurant owners prepare the most yummy fritters with chestnut flour from Villafranca in Lunigiana, or panigacci from Podenzana, to taste as you please with seasoned cheese, stracchino cheese and salami. The undisputed king of second courses is codfish, served with chard and tomatoes, and plenty pine nuts; rabbit alla cacciatora, stewed tripe, Genoese stuffed cima.

There is a traditional food market, just passed Piazza Verdi, where you can find achovies caught in the bay in Tramonti. There are also many organic products that we can buy inland, in Carro, Pignone and Caprigliola, where we can find a great variety of meat, guinea hens and above all lamb meat, from very special suppliers.

The art of pasta making creates trofie, trenette, bavett and raviolini to be cooked in meat broth.

The inhabitants of Lerici,  the so called Lericini, live in the “land of sea” and prefer fish to meat because it celebrates long time memories of their great grandparents, who once caught stone bass, snappers, gilthead beams and took what was necessary from salty shellfish and sea urchins, there is a sort of black gold that comes mussels, called “muscoli” in this area, you will enjoy the most appealing spaghetti dinners, with stuffed ravioli, tordei without forgetting dishes “en tian”, the divine anchovies, and other honorable dishes.

Those who weren’t born in this land, the so called “foresti”, will have to use the proper words to order mussels, that are made with bread softened in milk, a little parmigiano cheese, parsley and other ingredients chosen by the chef, so they will have to say to the waiter I’ll have “muscoli ripieni”.

There are many fish farms in this area, however another a popular dish is octopus that goes straight in the salads or is boiled and then placed on toasted bread, or stewed.

Tellaro organises every year, a traditional fair called the octopus fair, the main ingredient of the dishes is of course octopus, cooked in different ways, the octopus takes part to this celebration as the animal isthum ..since it saved the village from the pirat’s ransack.

Stockfish with potatos is strongly appreciated, mussels can be used also in soups, while mixed fried fish can be considered a high quality main dish, then we can order a Bagnum (a fish sauce with plenty anchovies and toasted bread), or anchovy and potato pie, in the eastern area up to Monterosso al Mare.

Daily catch has done a great job in terms of types of fish and cuts used inside the kitchens of the restaurants in Porto Venere. The best fish dishes can be ordered while strolling in the Marina.

There are places where tourists have to possibility to learns the skills of how to make fresh egg pasta and figure out the secrets of how to make a good pesto sauce.

Focaccia, home made bread, sgabei and many colourful or stewed risotti play a significant role in the local cuisine.

However Gulf of Poets means above all wine, the grapes are pressed to favour the creation of wines such as Vermentino, Pigato, or the well appreciated Trebbiano, PDO and PGI brands are common as the climate favours important harvests.

Sciacchetrà is an old mate, this wine, with its amber yellow colour, is perfect  to accompany your desserts. Its production is allowed only in some municipalities of the Province of La Spezia. It is made letting the grapes dry naturally, it has a fortified texture, ideal to taste, all in one go at the end of a dinner, while eating a castagnaccio, garnished with pine nuts and raisins, it moistens the traditional buccellato cake, and with its apricot scents makes the famous spongata from Sarzana, a cake made with jam and dry frui, a special dessert.

uk flag iconfr flag iconde flag iconchina flag icontaiwan flag icon

Explore the surroundings

Partner

Newsletter

Apri chat
💬Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti? 😃